News

Avete visto il Padiglione Italia a Expo Dubai 2020?

Home › Avete visto il Padiglione Italia a Expo Dubai 2020?

padiglione italia, expo dubai padiglione italia, padiglione italia expo 2020 dubai

Secondo il settimanale americano “Time”, è uno dei dieci motivi per visitare l’Expo di Dubai 2020. Secondo l’opinione di molti giornali e riviste del settore, uno tra i più scenografici.

Il Padiglione Italia si è presentato così, con tutta la sua carica di innovazione e creatività, all’evento internazionale inaugurato a Dubai il 1° ottobre 2021 e in programma fino al 31 marzo 2022.

L’Italia si propone di superare se stessa e il confine delle 3F, Food, Fashion and Forniture che la contraddistingue nel mondo, per farsi promotrice dei principi della sostenibilità.

Come spiega Carlo Ratti, uno dei progettisti, “il padiglione è un esperimento di circolarità, circondato da 70 chilometri di corde da barca, realizzate tramite il recupero di 2 milioni di bottiglie. Il tetto è fatto con gli scafi rovesciati di tre imbarcazioni, che a Expo conclusa, potranno continuare a navigare.”

Il padiglione Italia è dunque esempio di architettura circolare, rimovibile e riutilizzabile. I materiali utilizzati per la realizzazione della struttura sono “nuovi” sul panorama: abbiamo i fondi di caffè, funghi, bucce d'arancia e la farina ricavata dalle alghe. Queste ultime, coltivate all’interno del Padiglione, hanno la funzione di purificare l'aria trasformando l'anidride carbonica prodotta dal respiro dei visitatori in ossigeno.

padiglione italia, expo dubai 2020, padigliolne italia taglio nastro dubai
padiglione italia, expo dubai 2020, padigliolne italia taglio nastro dubai

Per usare le parole dei progettisti Carlo Ratti e Italo Rota, quello italiano è "un laboratorio per sperimentare su temi fondamentali, per ripensare la frontiera tra naturale e artificiale".

Com’è fatto il Padiglione Italia

Il padiglione è stato progettato da Carlo Ratti, Italo Rota, Matteo Gatto e F&M Ingegneria. La struttura esterna, ideata da Fincantieri, ha la forma di tre scafi ed è stata verniciata dal Gruppo Boero.

Il risultato è la bandiera tricolore più grande del mondo.

foto laguna venezia, foto laguna veneziana, foto area laguna venezia, laguna venezia

Foto © Massimo Sestini for Italy Expo 2020

foto laguna venezia, foto laguna veneziana, foto area laguna venezia, laguna venezia

Foto © Massimo Sestini for Italy Expo 2020

A seguire ci sono la duna di sabbia e la passerella, ricoperti con polvere di caffè, bucce di arancia e sabbia del sito di Expo 2020, grazie alla tecnologia di Mapei, che ha permesso di riutilizzare materiali naturali di riciclo.

Nel padiglione è poi presente il “tunnel del silenzio”, creato da Caimi Brevetti e lungo 80 metri. L’opera è avvolta in 800 pannelli fonoassorbenti per cercare di restituire il vuoto più assoluto.
Tim ha poi dotato l'edificio di infrastrutture digitali e connessioni di ultima generazione. Ci sono installazioni come l’orologio atomico di Leonardo o la diagnostica per immagini del gruppo Bracco.

Perché vi parliamo del Padiglione Italia

Se quello italiano è tra i padiglioni più scenografici dell’evento, lo si deve anche alla conformazione della sua facciata. La struttura è studiata infatti per ottimizzare il ricircolo dell'aria, grazie anche alle corde nautiche che fungono da tenda frangisole e che ricordano il concetto stesso delle facciate ventilate Decoral.

l progetto punta dunque a sperimentare modalità più sostenibili per raffrescare edifici e ambienti urbani, ottenendo così un sistema di ombreggiamento e ventilazione naturale che produce un migliore comfort termico, oltre che a una minor spesa energetica per il raffrescamento dell’ambiente.

Hai delle domande su come utilizzare System Piega nel tuo progetto?

Compila il form richiesta informazioni e verrai ricontattato da un nostro esperto: per te il download della nuova brochure in omaggio.

Image

L’attenzione riservata al tema della circolarità delle risorse, dimostrata altresì da Decoral®, è osservabile nel ciclo delle corde stesse del padiglione: se da una parte Decoral® utilizza alluminio, materiale riciclabile all’infinito, le stesse corde del Padiglione Italia sono prodotte in plastica riciclata, usando l'equivalente di quasi 2 milioni di bottiglie d'acqua. Il risultato è un intreccio verticale che si estende per quasi 70 chilometri di lunghezza complessiva. Va qui sottolineato come le corde, dopo la conclusione di Expo, saranno riutilizzate seguendo i princìpi dell'economia circolare.

Con il calare della sera, infine, la facciata si illumina e diventa dinamica grazie ai LED incorporati sulle corde.

padiglione italia, padiglione italia expo dubai

Foto © Massimo Sestini for Italy Expo 2020

foto laguna venezia, foto laguna veneziana, foto area laguna venezia, laguna venezia

Foto © Massimo Sestini for Italy Expo 2020

La bellezza unisce le persone

Il claim della presenza italiana all’Esposizione Universale è centrato sul concetto di “bellezza”, inteso non in senso puramente estetico ma come connessione, come competenza, come innovazione e come veicolo della conoscenza, un codice di valori che da sempre contraddistingue l’identità italiana.

Talento e ingegno italiano emergono qui come risorse strategiche per progettare il futuro attorno ad un modello di dialogo e collaborazione attivo tra popoli e nazioni, nel rispetto dei valori di autodeterminazione, concorrenza, diritti, innovazione e sviluppo sostenibile.

decoral group small


© Decoral System srl 2020
P.IVA IT03062260231

facebook decoral groupinstagram decoral grouplinkedin decoral grouppinterest decoral group

decoral group, member of archiproducts

Search