Criteri Ambientali Minimi negli appalti pubblici: cosa sono?

Home › Criteri Ambientali Minimi negli appalti pubblici: cosa sono?

criteri ambientali minimi che cosa sono

Con l’introduzione del nuovo codice appalti del dlgs 50/2016 è previsto l’obbligo di applicazione dei CAM da parte di tutti gli appaltanti. Ma che cosa sono i criteri ambientali minimi?

I CAM sono requisiti ambientali utili a individuare la soluzione progettuale, il prodotto o servizio che presta la migliore attenzione al ciclo di vita dell’opera edilizia da costruire o restaurare, riqualificare.

Più specificatamente, i CAM sono i requisiti ambientali definiti nelle diverse fasi del processo di acquisto e che individuano la soluzione progettuale più confacente dal punto di vista del profilo ambientale, calcolato lungo tutto il ciclo di vita dei prodotti.

L’introduzione dei nuovi criteri ambientali valorizza la qualità ambientale e risponde alle esigenze della Pubblica Amministrazione di contenere consumi, ridurre la spesa e soprattutto valorizzare le offerte che riducono l’impatto ambientale.

Le pubbliche amministrazioni quindi, negli appalti pubblici, devono inserire obbligatoriamente nella documentazione progettuale e di gara le specifiche tecniche e le clausole contrattuali contenute nei CAM.

Siamo a disposizione per poter fornirti tutte le informazioni necessarie

criteri ambientali minimi che cosa sono

Che cosa contiene il documento relativo ai CAM?

Il documento (D.Lgs 106/2017) rappresenta l’adeguamento alla normativa europea 3057/2011 (CPR) che (semplificando) pone 7 requisiti fondamentali in materia di opere di costruzione edilizia.

7 requisiti fondamentali in materia di opere di costruzione edilizia

  1. Resistenza meccanica e stabilità;
  2. Sicurezza in caso di incendio;
  3. Igiene, salute e ambiente;
  4. Sicurezza e accessibilità in uso;
  5. Protezione contro il rumore;
  6. Risparmio energetico e ritenzione di calore;
  7. Uso sostenibile delle risorse naturali.
linee guida per l’applicazione dei CAM

Il documento con le linee guida per l’applicazione dei CAM si suddivide in due parti:

  • La prima in cui sono riportate indicazioni e disposizioni su come impostare la documentazione per rendere “verde” la procedura di gara (servizio di progettazione, lavori di costruzione, demolizione, ristrutturazione e manutenzione nelle varie fasi d’appalto).
  • La seconda contenente le indicazioni operative e i relativi requisiti di conformità ed infine le certificazioni di qualità richieste.

Sono previsti dei criteri premianti, ovvero quei requisiti che selezionano lavori, prodotti e servizi con prestazioni ambientali migliori e ai quali viene attribuito un punteggio tecnico ai fini dell’aggiudicazione secondo il miglior rapporto qualità prezzo.

Ad esempio: responsabili dei lavori con qualifiche accreditate a livello energetico-ambientale, scelta di utilizzare materiali tecnologici di ultima generazione con benefici per l’ambiente o ricavati a livello locale (km 0) per valorizzare il contesto storico-edilizio in cui l’edificio andrà ad integrarsi.

L'importanza dei materiali

I materiali e prodotti per uso strutturale devono soddisfare alcune caratteristiche fondamentali oltre che identificati, qualificati e accettati dal Direttore dei lavori. Questi devono:

  • essere compostabili;
  • essere degradabili;
  • essere progettati per il disassemblaggio;
  • essere prodotti con durata di vita estesa;
  • recuperare energia;
  • possedere un contenuto riciclato;
  • possedere un consumo energetico ridotto;
  • provenire da un utilizzo ridotto risorse;
  • essere riutilizzabili e ricaricabili;
  • collaborare alla riduzione dei rifiuti.

Perché scegliere le finiture Decoral?

Nei CAM si richiede che debbano essere sempre specificate le informazioni sull’emissività dei prodotti scelti e che venga accertata la corrispondenza al criterio specifico tramite documentazione tecnica che dovrà essere presentata alla stazione appaltante in fase di esecuzione dei lavori nelle modalità indicate nel relativo capitolato.
La determinazione delle emissioni deve avvenire in conformità alla CEN/TS 16516 o UNI EN ISO 16000-9.

Abbiamo sviluppato specifiche soluzioni per chi ha bisogno di prodotti a zero emissione di VOC e certificate con standard di qualità CAM: polveri per verniciatura e finiture decorate con tecnologia di sublimazione di cui sono state verificate le emissioni di VOC secondo lo standard ISO 16000 e IAC GOLD.

Grazie ai risultati conseguiti possiamo certificare che questa tipologia di finiture per alluminio e metalli (applicabili su profili di infissi, facciate ventilate, arredo d’interni, etc. di uffici pubblici, scuole, ospedali, impianti sportivi, etc.) è conforme agli standard richiesti dai nuovi criteri minimi ambientali in edilizia (CAM) in un’ampia scelta di finiture e colori per alluminio utilizzabili anche all’esterno (rame, corten, spatolati, acciaio, micacei, oro, bronzo e tutti i colori RAL).

Le nostre finiture possono essere inserite nei prezziari delle opere e lavori pubblici dei capitolati d’appalto della Pubblica Amministrazione delle diverse regioni d’Italia in quanto certificate come richiesto dal D.lgs. Infine, i valori riportati corrispondono e rispettano la classe A+ della norma francese.

Alta qualità certificata

Green Visione: zero sprechi, emissioni minime

VOC Free

VOC Free

Prodotti a bassa emissività: conformi ai protocolli LEED V4, BREEAM, FRENCH VOC REGULATION. Download certificati:

Decorazione

Verniciatura

Chrome free

Chrome free

Contribuiamo ad aumentare la qualità della vita umana, utilizzando nella fase di pretrattamento alla verniciatura, la tecnologia chrome free.

Scarico zero

Scarico zero

Abbiamo ridotto a zero l'impatto ambientale della nostra produzione grazie ad un processo di riciclo totale di tutte le polveri e prodotti vernicianti.

Ulteriori informazioni per i CAM negli appalti pubblici?

decoral group small


© Decoral System srl 2020
P.IVA IT03062260231

facebook decoral groupinstagram decoral grouplinkedin decoral grouppinterest decoral group

decoral group, member of archiproducts